INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Trasformiamo il Capitalismo con l’Intelligenza Artificiale: CONSUMIAMO BENESSERE.

In questi giorni, fermi per colpa del virus Covid 19, siamo “costretti” a pensare e a riflettere. Alcuni pensano che ciascuno di noi debba cambiare comportamenti per evitare l’apocalisse: docce brevi, meno carne, meno aerei, meno auto, riciclare, riusare, riparare, riscaldamento basso, spegnere la luce, non stampare email.

Tutte cose giuste, ma inutili. È come se ciascuno di noi spingesse un autotreno guasto con l’idea che ogni piccolo sforzo aiuti. Non è così. C’è una soglia sotto la quale ogni sforzo individuale è nullo e diventa inutile.

Combattere la fine del mondo richiede sacrifici, indubbiamente, sinergie di dimensioni globali, legislazioni lungimiranti. Ma esistono anche alleati che crescono di pari passo insieme alle insidie e parliamo naturalmente della tecnologia digitale e delle intelligenze artificiali. Sistemi in grado di cambiare non soltanto brand e aziende in ogni parte del mondo, ma anche di rivoluzionare il modo in cui gli esseri umani producono e consumano. Il connubio tra l’economia circolare che può salvare l’ambiente e le tecnologie digitali può essere il primo grande passo verso il cambiamento.

Insomma: è necessario trasformare il CAPITALISMO CONSUMISTICO in un CAPITALISMO TAUMATURGICO che si prenda cura del pianeta in cui abitiamo, delle persone e del loro futuro. È il progetto più avanzato e innovativo del nuovo millennio. In buona sostanza, se dobbiamo continuare a consumare, e a consumare saremo sempre di più su questo pianeta, allora, e lo dico da anni, CONSUMIAMO BENESSERE.