comunicazione comunicatori specializzati

Il grande paradosso: la Comunicazione senza Comunicatori

C’è un grande paradosso intorno alla comunicazione digitale. Si parla in continuazione di come posizionare un brand nella testa dei Clienti, quali errori non commettere, quali strategie da applicare per rendere un marchio vincente. E non si parla mai delle figure che dovrebbero posizionare il brand, evitare determinati errori, sviluppare le migliori strategie. Si parla di comunicazione, ma non di comunicatori. Un grande paradosso.

Eppure stiamo entrando nell’epoca della specializzazione assoluta e ci sono migliaia di manuali e articoli disponibili che raccontano come nella società del terziario avanzato si cercano specialisti e non generalisti. Vale per tutti i settori, ma non per la comunicazione. Quella, possono farla tutti o quasi. In fondo basta una connessione, un sito internet e qualche account social, giusto? Ma se state spendendo fatica, soldi e risorse per rendere competitivo il vostro brand, se i vostri prodotti giorno dopo giorno sono pensati e progettati dai migliori specialisti del settore, perché la comunicazione intorno al vostro marchio può essere sottovalutata, se non assolutamente improvvisata?

Dovrebbe essere il contrario. Ciò che la gente saprà di voi è ciò che voi farete loro sapere. E non si tratta solo di cosa, ma anche di come, e di quando. Stiamo parlando di meccanismi complessi e delicatissimi. State sviluppando un organismo che magari è il migliore in assoluto a muoversi e a correre e a saltare più in alto degli altri, ma al quale non state insegnando a parlare. State trascurando l’aspetto decisivo di questa epoca digitale, e se pensate che non sia vero provate a ragionare in questi termini.

Il fatto che tutti abbiano a disposizione gli ingredienti per comunicare, una connessione, un sito internet, gli account social, non significa che tutti siano in grado di comunicare. Proprio come il fatto di avere nella dispensa tutti gli ingredienti per cucinare una grande ricetta non significa che tutti siano in grado di cucinarla. Se doveste aprire un ristorante, affidereste la cucina a chi ci sa fare perché si diletta di gastronomia, a un cuoco che sa cucinare un paio di primi e un secondo, o a uno chef stellato in grado di preparare i grandi classici della tradizione ma anche di presentare piatti che non sono stati mai pensati prima? Se pensate che sia un problema di budget, state guardando dalla parte sbagliata. Qui stiamo parlando di cosa mettete in bocca ai vostri clienti, letteralmente. E non è un modo di dire, perché i vostri clienti con la loro bocca diranno ai loro amici e conoscenti, se non a un forum popolato da migliaia di persone, cosa pensano di voi. E la percezione, l’immagine, il posizionamento del brand, si costruiscono attraverso la comunicazione. Se avete i migliori prodotti sul mercato ma non avete una strategia di comunicazione strutturata, solida e all’avanguardia per proporli ai vostri clienti, quei prodotti semplicemente non esistono.

Se vi state chiedendo perché dovreste affidare la vostra comunicazione a chef stellati, o quantomeno a cuochi altamente qualificati, la risposta è molto semplice. Voi stessi non vi trasformate in agenti immobiliari solo perché in passato vi è capitato di vendere o comprare una casa, così come non siete meccanici solo perché una volta avete cambiato una gomma bucata, proprio come non siete cuochi professionisti solo perché tutte le sere preparate la cena per la vostra famiglia. Vi rivolgete costantemente a specialisti del settore. Nessuno diventa un esperto comunicatore solo perché ogni giorno passa diverse ore sul web. E se improvvisate, trascurate, sottovalutate un aspetto decisivo come l’identità del vostro brand affidandolo a qualcuno che non è davvero esperto di comunicazione, finisce come finirebbe il vostro ristorante affidato alle mani di un cuoco inesperto.